Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Bene Farinelli e Brotini Crescono i paralimpici

Igor Macera (secondo da sinistra) con altri atleti e Beppe Fissore, sotto Giulia Brotini
Igor Macera (secondo da sinistra) con altri atleti e Beppe Fissore, sotto Giulia Brotini
Igor Macera (secondo da sinistra) con altri atleti e Beppe Fissore, sotto Giulia Brotini

La settimana velica internazionale, quinta edizione che si é chiusa domenica scorsa- funestata purtroppo da un incidente mortale nella classe Laser- ha visto però tra gli aspetti largamente positivi anche la cresciuta partecipazione degli atleti disabili: e la conferma che quelli livornesi, allievi dell’istruttore Fiv Beppe Fissore, hanno primeggiato in tutte le classi cui hanno partecipato. Nei 2.4mr, una classe olimpica che proprio a Livorno ebbe il propio lancio nazionale, ha vinto il livornese Andrea Farinelli, un atleta promettente che ha battuto gli altri due livornesi arrivati secondo e terzo, Andrea Sgherri e Roberto Del Corso. Significativa anche la vittoria nei Martin 16 dove ha prevalso Maria Giulia Brotini in coppia con Nedo Finocchio, anch’essi livornesi. Secondo classificato Igor Macera in coppia con Franco Peroncini: altro equipaggio che già negli anni passati aveva brillato. In e in questa edizione gli atleti portatori di handicap hanno superato il numero dei passati trofei, a conferma che la scuola di vela dell’Assonautica Livorno ha raggiunto una notorietà almeno nazionale: tanto che la nuova presidente della classe 2.4mr Cristina Michelin, giunta apposta dal nord Italia per una verifica della base, si è detta non solo soddisfatta della logistica e dell’inpegno dei tanti volontari in assistenza- c’erano tra l’altro moto d’acqua della Protezione Civile e gommoni della Folgore, dei carabinieri e dell’associazione ambientalista Marevivo- ma anche del campo di regata, tanto da ipotizzare per la prossima edizione una regata di classe valida per il loro campionato.

Con questa edizione della settimana velica, la base dell’Assonautica nel porto mediceo ha potuto finalmente tornare ad operare per la sua scuola vela permanente per disabili, dopo le contestazioni sui suoi pontiletti galleggianti da parte del demanio- contestazioni oggi risolte grazie all’AdSP, il Comune e la Capitaneria- che ne avevano interrotto l’attività.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?