Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

"Bene il recupero finale Ma ora vietato sbagliare"

L’allenatore del Livorno analizza il pareggio col Ponsacco all’ultimo minuto. Squadra un po’ in relax per il primato acquisito. "Prossime gare al massimo"

Non è certamente soddisfatto mister Giuseppe Angelini dopo il pareggio tra Tuttocuoio e US Livorno. Nonostante infatti gli amaranto abbiano raccolto un punto, c’è comunque la delusione per una partita quasi persa anche se, il tecnico vede il bicchiere mezzo pieno: "Il risultato ha detto questo, era quello giusto – ha detto l’allenatore dopo la gara – Abbiamo approcciato bene la partita e dopo il gol inconsciamente ci siamo rilassati. Pensavamo di aver già vinto, ma il calcio non è così". Dopo la rete di Giampà al settimo minuto, infatti, chiunque aveva già pensato a un ipotetico Ponsacco-bis, ma nessuno si sarebbe immaginato un pareggio immediato e un vantaggio avversario a pochi secondi dal termine del primo tempo. "Quando la partita è più semplici ce la complichiamo. Poi l’abbiamo rimediata e siamo bravi, non era scontato perché erano tutti dentro l’area di rigore – ha sottolineato Angelini – Sono contento perché abbiamo fatto gol su azioni che proviamo tutte le settimane, da quel punto di vista sono soddisfatto". Una vittoria e due pareggi dopo che gli amaranto hanno staccato il pass per la poule promozione: "Abbiamo liberato la mente, dobbiamo sempre sfruttare meglio le palle gol e chiudere le partite. Abbiamo avuto molte più occasioni, ma dobbiamo abituarci che possiamo anche subire una rete alla prima azione degli altri. Dobbiamo essere sempre al 110%". Terminata la regular season quindi lo sguardo andrà immediatamente agli spareggi promozione: "Un mese di nervi distesi? A Livorno non esiste. Da quel punto di vista i ragazzi hanno lavorato un anno per quest’obiettivo, non possiamo permetterci di sbagliare – ha poi concluso Angelini – Le prossime saranno partite troppo diverse, non so il livello ma sicuramente se hanno vinto i rispettivi campionati saranno forti".

Filippo Ciapini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?