Quotidiano Nazionale logo
6 apr 2022

Biancoverdi bene a Formigine Vittoria e bonus-attacco

I labronici restano sul quarto gradino della classifica e si avvicinano alla vetta

Ottima la gara del Livorno
Ottima la gara del Livorno
Ottima la gara del Livorno

FORMIGINE

3

LIVORNO RUGBY

28

HIGHLANDERS FORMIGINE: Zanfino; Giuliano (1’ st Fofana), Susa, Nicola, Ricciardi; Fontanesi (cap.), Lanzani; Nunno, Operoso, Cremonesi (14’ st Splendi); Vito, Corradini Zini; Babbo, Molinari (1’ st Palladino), Califano (10’ st Orlandi). A disp.: Abdellaoui, Frigieri, Falsone. All.: Claudio Menozzi.

LIVORNO RUGBY: Citi; Galli, Ianda, Martinucci, Menicucci; Gaggero, Zannoni N.; Lavorenti, Berthomier (27’ st Basha), Piras; Gragnani Giac. (cap.), Cristiglio A.; Ficarra, Bufalini, Castellani. A disp.: Chiti, Santi, Mattei, Freschi. All.: Marco Zaccagna.

ARBITRO: Matteo Berra di Mantova.

MARCATORI: nel pt (3-21) 15’ cp Fontanesi, 22’ m. Bufalini tr. Gaggero, 28’ m. Citi tr. Gaggero, 36’ m. Berthomier tr. Gaggero; nel st 38’ m. Basha tr. Gaggero.

NOTE: in classifica 0 punti per il Formigine che ha perso con un margine superiore alle sette lunghezze (nessuna meta all’attivo) e 5 per il Livorno Rugby che ha vinto e si è assicurato il bonus-attacco (quattro mete all’attivo). Espulsioni definitive per Ianda (22’ st; reazione) e Lavorenti (27’ st; somma di gialli). Espulsioni temporanee per Molinari (22’ pt), Lavorenti (36’ pt), Operoso (36’ pt), Cremonesi (16’ st) e Babbo (40’ st).

Anche a Formigine, alle porte di Modena, il Livorno Rugby ha ottenuto il massimo: la vittoria condita dal bonus-attacco. I biancoverdi, rispettando il pronostico della vigilia, hanno raccolto cinque punti sul campo degli Highlanders Formigine. Per la sesta partita consecutiva, i ragazzi di Marco Zaccagna hanno strappato la cosiddetta ‘affermazione piena’: sono 30 i punti racimolati in queste sei gare giunte dopo lo stop interno del 5 dicembre, contro il Florentia. Ma stavolta è stata una sofferenza: solo in extremis, i labronici – tredici contro quindici – hanno realizzato la quarta meta. Una gara condizionata dal nervosismo, con due rossi e cinque espulsioni temporanee. I labronici restano sul quarto gradino della classifica, ma accorciano rispetto alla vetta. Come ampiamente prevedibile, l’Olimpic Roma, che figura con due gare in più rispetto alle altre tre compagini in lotta promozione, ha travolto il fanalino di coda Imola ed ha operato il sorpasso in testa ai danni della Rugby Parma (in questa giornata ferma per il suo turno di riposo). Agevole il successo del Florentia nel derby toscano con il CUS Siena. Le quattro compagini che si contendono la prima piazza conclusiva (quella che garantisce il sospirato salto in A; non sono previsti appelli…) sono ora racchiuse in un fazzoletto di punti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?