Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Livorno ko anche con il Cuneo: 0-1, crisi nera. Furia Spinelli, Sottil a rischio / Twitter

Amaranto irriconoscibili, mai pericolosi. Piemontesi in gol con Schiavi su punizione al 19'. Espulsi Luci e Dell'Agnello

di IGOR VANNI
Ultimo aggiornamento il 3 marzo 2018 alle 19:39
Un'azione di Livorno-Cuneo

Livorno, 3 marzo 2018 - Una punizione di Schiavi per incrinare le certezze del Livorno e un palo clamoroso di Zamparo per suggellare una vittoria importante. Il Cuneo espugna l'Armando Picchi e certifica la crisi profonda di un Livorno che non sa più vincere (l'ultimo successo è datato 30 dicembre 2017) e che adesso vede seriamente compromesse le sue possibilità di promozione diretta. I piemontesi di Viali hanno fatto quasi la partita perfetta, aggredendo subito alti Luci e compagni, cucendo buone trame di gioco e rendendosi pericolosi dalle parti di Mazzoni. Ma c'è voluta una pennellata di Schiavi dal limite dell'area al 20' per riuscire a battere il portiere amaranto (non posizionato bene nell'occasione) e legittimare una vittoria meritata, con i padroni di casa incapaci di impensierire Stancampiano se non con timidi tiri dalla lunga distanza. Sottil ha provato a cambiare tre uomini nell'intervallo, passando dal 4-2-3-1 iniziale al 3-4-1-2 e infine al 3-5-2, con risultati però vani.

Una pressione di 10' o poco più, poi tante palle perse e confusione in campo, con il difensore Borghese finito a fare la prima punta e gli attaccanti esterni Murilo e Perez a fare i terzini. Terza sconfitta consecutiva in casa per il Livorno, dunque, e crisi profonda di gioco, idee e testa, con il tecnico Andrea Sottil che finisce sul banco degli imputati (ma non è il solo), tanto che la sua panchina potrebbe saltare già oggi.

Dalla ripresa del campionato, infatti, il Livorno ha collezionato soltanto due punti in cinque partite tutte alla portata dell'ex capolista. Il presidente Spinelli è una furia e oggi sarà presa una decisione.

Il tabellino

LIVORNO (4-2-3-1): Mazzoni; Pedrelli (1’st Borghese), Gonnelli, Gasbarro, Franco (31’st Perez); Luci, Giandonato (1’st Valiani); Doumbia (1’st Montini), Kabashi (24’st Manconi), Murilo; Vantaggiato. A disp. Pulidori, Morelli, Pirrello, Perico, Baumgartner, Bruno, Gemmi. All.: Sottil

CUNEO (3-5-2): Stancampiano; Di Filippo, Zigrossi, Conrotto; Zappella (28’st Boni), Gerbaudo, Schiavi, Rosso, Sarzi; Zamparo, Dell’Agnello. A disp. Moschin, Baschirotto, Bruschi, Cristini, Galuppini, Secondo, Testoni, Maresca, Testa, Pelini. All.: Viali

Arbitro: Robilotta di Sala Consilina

Marcatori: pt 20’ Schiavi.

Note: 4.470 spettatori, per un incasso di 22.634,60 euro. Espulsi: Dell’Agnello (35’st) per doppia ammonizione e Luci (40’st) per gioco pericoloso. Ammoniti: Franco, Schiavi, Murilo. Angoli: 6-4 per il Livorno. Recupero tempo: pt 2’, st 4’.

APPROFONDIMENTI E INTERVISTE SU 'IL TELEGRAFO' IN EDICOLA DOMENICA 4 MARZO

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.