Quotidiano Nazionale logo
8 gen 2022

Dilettanti, regole severe per il rientro in campo

Dopo la positività devono passare 7 giorni per tutti gli esami medici. Una disposizione che inizialmente prevedeva 30 giorni e creava grossi problemi

Il nuovo arrivo del Livorno Russo
Il nuovo arrivo del Livorno Russo
Il nuovo arrivo del Livorno Russo

C’è un piccolo problema nelle disposizioni della direzione generale del Ministero della Salute relativa all’idoneità agonistica. Nel caso in cui un calciatore abbia infatti contratto il Covid non sarà possibile per lui rientrare in gare ufficiali una volta negativizzato. La circolare ufficiale infatti sosteneva in un primo tenpo che gli esami di rito (test ergometrico, spirometrico ed eco doppler) per accertare il ritorno all’attività dovevano essere effettuati trascorsi 30 giorni dall’avvenuta guarigione. Significava quindi che per le attività dilettantistiche, per ricevere l’idoneità sportiva dovranno attendere circa un mese dalla loro negativizzazione. Insomma un problema non da poco visto che, in un momento dove il livello di contagio è molto alto, numerose squadre si potrebbero ritrovare per gran parte della stagione senza elementi. A fine giornata è stato elaborato un nuovo protocollo. Nel caso di atleti vaccinati e senza particolari problemi, gli esami si potranno fare dopo 7 giorni dal testa negativo di guarigione. Giorni che salgono a 14 in caso di atleti con più di 40 anni. Gli amaranto che, a fine dicembre, hanno avuto due casi di positività negativizzati proprio il 31 dicembre. Secondo quindi il primo protocolo rischiavano di saltare anche la partita con il Fucecchio. Ora invece potranno giocare. Ma questo argomento riguarderà anche i futuri positivi che, se negativizzati dovranno attedere comunque minimo 7 giorni per gli esami medici. Stando a quanto ci risulta, molte squadre, si sono mosse per auspicare una riduzione del tempo di ‘attesa’ per l’idoneità sportiva. Comunque ci si trova di fronte a calciatori che si allenano quotidianamente e nel pieno delle loro forze, anche se, la salute viene prima di ogni cosa e nulla può e deve essere lasciato al caso. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?