Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

La sfida si gioca a Figline Livorno, se vinci è serie D

Domenica alle 17 al ’Del Buffa’ la partita che può valere la promozione . Pochi biglietti per i tifosi amaranto, si parla per ora di 400 tagliandi

È ufficiale, si giocherà al Goffredo Del Buffa di Figline. La riunione di ieri dei vertici ha stabilito che la gara tra Figline 1965 e US Livorno si disputerà nello stadio di casa dei gialloblu domenica 8 maggio alle 17. Una sfida importantissima per la storia degli amaranto che in caso di vittoria raggiungeranno la matematica qualificazione in Serie D. Purtroppo però, la marea dei tifosi della squadra di mister Giuseppe Angelini non potrà seguire al completo la squadra. Sono stati infatti messi a disposizione soltanto 400 posti a disposizione per gli ospiti contro i 900 disposti per la tribuna. È così che nonostante l’Unione Sportiva Livorno 1915 abbia comunicato che a partire da oggi saranno in vendita i biglietti per la partita c’è un certo e capibile sconforto nell’aver appreso la notizia di così pochi tagliandi. Scartate tutte le ipotesi che vedevano un impianto diverso da quello scelto, con un comunicato ufficiale la Curva Nord Fabio Bettinetti ha deciso che resterà fuori dal Del Buffa per seguire e incitare la squadra. Effettivamente, tra le varie soluzioni adatte a contenere il tifo amaranto, sicuramente c’era anche quella di invertire i settori per consentire ai tanti e decisamente maggiori in numero supporter di seguire il Livorno. Ci si aspetta quindi ben più di quattrocento persone a sostenere gli amaranto in un momento che è il vero crocevia della stagione. I biglietti saranno in vendita al costo di dieci euro al Punto Amaranto dello stadio Armando Picchi, in piazzale Montello, nelle giornate di venerdì 6 e sabato 7 maggio dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30. Visto lo scarso numero di biglietti messi a disposizione dalla società di casa, ogni cliente potrà acquistare fino a un massimo di 4 biglietti. Il giorno della partita, le biglietterie stadio di Figline resteranno chiuse.

Filippo Ciapini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?