Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
10 giu 2022

Livorno, cresce l’attesa Anche Diamanti al Picchi

L’ex giocatore amaranto domenica allo stadio per sostenere la squadra. Il presidente Paolo Toccafondi lancia un appello ai tifosi: "Andiamo!"

10 giu 2022
Il presidente Paolo Toccafondi
Il presidente Paolo Toccafondi
Il presidente Paolo Toccafondi
Il presidente Paolo Toccafondi
Il presidente Paolo Toccafondi
Il presidente Paolo Toccafondi

Se la finale di andata degli spareggi Nazionali ha un sapore diverso da qualsiasi altra partita, chissà adesso quanto sarà “dolce” sperare di veder tornare il Livorno alla vittoria casalinga. Per la partita contro il Pomezia, in programma domenica 12 maggio alle 16.30, ci sarà un tifoso più che speciale.

All’Armando Picchi infatti sarà presente Alessandro Diamanti che, visto il suo legame indissolubile con la maglia amaranto e il rapporto di amicizia con il presidente Paolo Toccafondi, ha deciso di accettare l’invito e presenziare alla gara.

Ad annunciarlo è stato lo stesso numero 1 dell’US Livorno che nella serata di ieri sera ha pubblicato un video sui propri profili social: “Cominciamo a contarci se domenica ci siamo… vediamo chi c’è – dice inquadrandosi e poi, allargando l’immagine, spunta proprio Alino – Io non so se ci sono, ma ci sono. Un mignolo mi leverei per giocare la domenica, andiamo!” scherza poi Diamanti. Insomma, se qualcuno aveva bisogno di stimoli per assistere o addirittura giocare, adesso sa che in Tribuna ci sarà un tifoso che ha fatto la storia del club e che, certamente, vorrà vedere l’US Livorno tornare magico.

Perché la maglia amaranto non si abbandona mai, anche le cose non vanno come dovrebbe andare, anche quando si vive in Australia. Il richiamo è troppo forte e quando la posta in gioco è alta come adesso, la città deve ancora di più rispondere presente.

Tutta la Livorno sportiva si stringe intorno agli amaranto, il conto alla rovescia è iniziato. Manca un ultimo gradino per uscire dall’inferno, per andare e ripartire in Serie D.

Filippo Ciapini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?