Colpo grosso in casa Atletica Libertas Unicusano Livorno: entrano infatti in società due nuovi atleti come Federica Palumbo (25 anni) e Diego Aldo Pettorossi (23 anni). Due ragazzi che si stanno segnalando a livello nazionale e che vanno a rinforzare una società ambiziosa. Federica Palumbo, allenata da Carlo Giulioni, lombarda proveniente dalla Us Sangiorgese, è una multiplista che ha all’attivo 13 medaglie vinte ai campionati italiani di categoria e assoluti, con due ori nell’eptathlon assoluto nel 2015 e 2016. Federica ha già vestito svariate volte la maglia azzurra: l’ultima rassegna azzurra a cui ha partecipato sono stati i campionati europei di...

Colpo grosso in casa Atletica Libertas Unicusano Livorno: entrano infatti in società due nuovi atleti come Federica Palumbo (25 anni) e Diego Aldo Pettorossi (23 anni). Due ragazzi che si stanno segnalando a livello nazionale e che vanno a rinforzare una società ambiziosa. Federica Palumbo, allenata da Carlo Giulioni, lombarda proveniente dalla Us Sangiorgese, è una multiplista che ha all’attivo 13 medaglie vinte ai campionati italiani di categoria e assoluti, con due ori nell’eptathlon assoluto nel 2015 e 2016. Federica ha già vestito svariate volte la maglia azzurra: l’ultima rassegna azzurra a cui ha partecipato sono stati i campionati europei di prove multiple a Riveira Brava, nel 2019, dove si è classificata al quarto posto. Ha un personale di 5.597 punti nell’eptathlon ottenuto nel 2019 che l’hanno collocata al secondo posto in graduatoria nazionale e di 3.590 nel pentathlon indoor. Quest’anno personali nel giavellotto con 44,83 metri, nell’alto con 1,70, nel lungo con 5,64 e nei 100 ostacoli con 14“75. Diego Pettorossi, bolognese, attualmente studia in America alla Angelo State University, in Texas. Sono 16 le medaglie vinte a una rassegna tricolore tra individuali e di staffetta. Gli ori sono negli 80 metri Cadetti, nei 100 Allievi e nei 200 Junior indoor. Quest’anno ha fatto un grande risultato: ha corso i 200 indoor in 21“09 a Lubbock, tempo che gli è valso il primato stagionale italiano, miglior atleta italiano al coperto, inserendolo tra i migliori velocisti all time unito a un 6“80 nei 60 indoor ottenuto ad Alburquerque. All’aperto vanta sui 100 10“52, mentre sui 200 ha un 21“04. Anche lui ha partecipato a rassegne internazionali come i campionati europei Under 23 di Gavle lo scorso anno e i Mondiali Juniores a Bydgoszcz nel 2016. Questi due arrivi di altissimo livello permetteranno al pubblico di ammirare due atleti top e al contempo far maturare e accompagnare, insieme a loro, i giovani talenti amaranto a traguardi sempre più elevati. Per loro sarà sicuramente un’esperienza di grande aiuto, per la città di Livorno l’opportunità di dimostrare ancora una volta la vitalità dello sport labronico.

Soddisfatto di questi arrivi il presidente della società, Gianni Giannone. "Come era nei piani, questo intervento di Unicusano ci consente di agire su due fronti: in primis il settore giovanile, sul quale lavoreremo appena le condizioni lo consentiranno, con progetti all’interno delle scuole; il secondo fine è invece quello di individuare un gruppo di atleti, possibilmente under 23, di interesse nazionale a cui noi possiamo venire incontro sostenendoli con lo studio e le spese maggiori che hanno". Perché proprio gli under 23? È presto detto. "La fascia dai 18 ai 23 è quella in cui c’è il maggior abbondono da parte dei ragazzi e noi vogliamo valorizzare coloro che non sono nei gruppi sportivi militare, accompagnandoli poi a un gruppo sportivo come con Picchiottino e Contini. Palumbo è seconda nelle prove multiple, Pettorossi studia in America come altri ragazzi italiani, allenanandosi in condizioni eccezionali. Ci saranno poi altri arrivi di fascia elevata per cercare di far maturare i nostri giovani, con esperienze importanti, e per valorizzare la Livorno sportiva a certi livelli. Chiusi accordi importanti anche in Toscana: li annunceremo a breve".

Igor Vanni