Marina di Campo (Livorno), 12 agosto 2017 - Le uova si sono schiuse: alle 21.15 in punto e fino alle 21.45 dal nido sono sgusciate una dietro l’altra le prime 45/50 tartarughine "caretta caretta". Minuscole, lunghe circa 4 centimetri, ma già perfette: il loro istinto le ha guidate subito verso il mare che hanno raggiunto percorrendo il corridoio approntato per loro. Soltanto una ha deviato verso il bagno Tropical ma i volontari che da giorni vigilano sul nido, sono riusciti ad indirizzarla, senza toccarla, verso l’acqua. Il monitoraggio prosegue perché altre piccole caretta caretta sono attese. 

Sono già passati quasi due mesi da quando un esemplare di tartaruga caretta caretta ha fatto il nido tra gli ombrelloni dei Bagni da Sergio e Paglicce Beach a Marina di Campo, all'Isola d'Elba. Era il 20 giugno (FOTO).

Il responsabile dell'Acquario dell'Elba, il presidente del Parco nazionale dell'Arcipelago, Giampiero Sammuri, il personale della delegazione di spiaggia della Capitaneria di Porto di Portoferraio e i gestori dei bagni coinvolti si sono fatti carico della sorveglianza del nido fino alla schiusa delle uova. Una rete di volontari, facente capo a Legambiente arcipelago, sorveglia il sito in notturna.