A Livorno Ztl in centro anche di notte. E i residenti chiedono limitazioni per gli scooter

L’assessora Cepparello conferma la linea dell’amministrazione comunale: "Non abbiamo ancora deciso se il provvedimento sarà soltanto nei week end"

L'assessora Giovanna Cepparello (Foto Novi)

L'assessora Giovanna Cepparello (Foto Novi)

Livorno, 5 aprile 2023 - “Stiamo lavorando per estendere le Ztl anche di notte in centro perché in alcuni periodi dell’anno e in alcuni giorni della settimana è frequentato anche da persone che non ci vivono, per andare nei locali o spazi pubblici dove si tengono spettacoli. Pensiamo quindi di adottare accorgimenti specifici per tutelare i residenti del centro che sempre di più hanno problemi a trovare posto per le loro auto".

L’assessora alla mobilità e al traffico del Comune di Livorno, Giovanna Cepparello, torna sull’annunciata proposta di estendere anche alla notte della Ztl in centro.

"Il nodo da sciogliere riguarda la possibilità di istituire la Ztl notturna sette giorni su sette in tutti i periodi dell’anno – prosegue l’assessora – o solo limitatamente ai fine settimana. A breve, dopo le opportune valutazioni, arriveremo a una decisione".

Ci tiene a sottolineare: "Quanto andremo a fare in materia di sosta e gestione del traffico, dovrà essere oggetto di un attento monitoraggio nel tempo per essere poi affinato e corretto in base a quello che ci verrà testimoniato dai cittadini e dalle categorie interessate da tale provvedimento".

Paolo Cascinelli, a nome del Comitato Vivere il Centro, interviene per dire: "Da venti anni chiediamo le ztl notturne in tutto il centro, come accade a Pisa e Firenze. In previsione dell’apertura della discoteca all’ex cinema Grande, da 800 posti, la Ztl notturna sarebbe necessaria, purché sia fatta rispettare con controlli. Controlli che per le attuali Ztl valide dalle 8 alle 20 sono facilmente permeabili grazie a vie di ingresso secondarie, come nella zona D che ha undici varchi con una sola telecamera utile in via San Francesco. Noi residenti rinnoviamo all’assessore Cepparello l’invito a parlare con noi prima di prendere decisioni. Infatti una decina di giorni fa abbiamo scritto alla segreteria dell’assessore. Non avendo avuto risposta siamo andati di persona e l’abbiamo incontrata. Ci ha assicurato che risponderà".

I residenti hanno sollecitato l’incontro con l’assessora Cepparello anche per discutere della sopressione di altri posti auto. "Si pensi che nella Ztl D ci sono più stalli per scooter (535) che per le auto (473)", precisa Cascinelli. E conclude: "Servirebbe una Ztl diurna anche per i motocicli ad eccezione dell’orario di apertura delle scuole".

Monica Dolciotti