Quotidiano Nazionale logo
13 mar 2022

Accademia Navale, giurano ottanta allievi

Livorno, la cerimonia alla presenza del capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Enrico Credendino

La cerimonia del giuramento nel piazzale dell’Accademia Navale, davanti al ’Brigantino’ (. Foto Novi
La cerimonia del giuramento nel piazzale dell’Accademia Navale, davanti al ’Brigantino’ (. Foto Novi
La cerimonia del giuramento nel piazzale dell’Accademia Navale, davanti al ’Brigantino’ (. Foto Novi

Alla presenza del capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Enrico Credendino, delle autorità civili, militari e religiose della città di Livorno e dei familiari ed amici, ieri 80 allievi del XXII corso Ufficiali in Ferma Prefissata (AUFP) hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana nel piazzale dell’Accademia Navale. Gli allievi sono giunti quasi al termine di questo breve ma intenso percorso formativo, che li vedrà impegnati fino al 28 marzo.

Alla fine del corso gli allievi vestiranno i gradi da ufficiale e saranno assegnati alle rispettive destinazioni dove presteranno servizio per trenta mesi. Prima di pronunciare la formula del giuramento, il Comandante dell’Accademia Navale l’Ammiraglio di Divisione Flavio Biaggi, ha voluto esaltare "il senso del dovere, lealtà e fedeltà alle istituzioni repubblicane ai quali ogni militare ed ufficiale in particolare deve ispirarsi ed esserne custode". L’Ammiraglio Credendino rivolgendosi agli allievi schierati li ha esortati "a fare sempre riferimento alle parole che sovrastano il piazzale ‘Patria e Onore’ e ad operare con abnegazione, dedizione ed onestà intellettuale e materiale, nell’esclusivo e superiore interesse del Paese, consapevoli del sacrificio e anche dell’audacia che verranno richiesti per raggiungere gli obiettivi".

Ha quindi detto: "Dovrete sostenere subito il vostro grado di responsabilità, ma vi assicuro che ciò vi riserverà altissime soddisfazioni e gratificazioni. La Marina Militare conta su di voi". Tra gli allievi aspiranti ufficiali che hanno prestato giuramento ieri, c’erano anche le donne che sono entrate a far parte della Marina Militare dal 20 ottobre 1999, con la legge 380 del 1999, così come nell’asercito, nell’aeronaitica, nell’Arma dei Carabinieri. Questo è avvenuto per alienare l’Italia alle altre Nazioni che aderenti alla Nato.

L’Accademia Navale di Livorno il 6 novembre 2021 ha inoltre celebrato i 140 anni dalla sua nascita, avvenuta il 6 novembre 1881. Per volontà dell’allora ministro della marina Ammiraglio Benedetto Brin, l’Accademia Navale di Livorno fu creata dalla fusione delle Scuole delle Marine pre-unitarie di Genova e Napoli. Si creo’ così un’unica scuola in cui addestrare e formare gli aspiranti ufficiali della Regia Marina. La scelta di collocarla a Livorno fu dettata dalla sua posizione geografica baricentrica, il facile accesso al mare e per la vicinanza dell’Università di Pisa.

M.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?