Quotidiano Nazionale logo
1 dic 2021

Bolgheri, esce il 'Massetino', il fratello minore del Masseto

La tenuta che produve uno dei migliori vini di Bolgheri presenta il nuovo prodotto

Axel Heinz
Axel Heinz

Bolgheri (Livorno), 1 dicembre 2021 - Tenuta Masseto produce una dei vini di Bolgheri con le più alte quotazioni di mercato, normalmente una bottiglia costa oltre 600 euro. La Tenuta però ha dato vita anche a un secondo vino, il Massetino, con un prezzo più abbordabile. E proprio oggi presenta l'ultima annata del suo secondo vino, Massetino 2019Massetino 2019, al suo terzo anno di vita, nasce dalla selezione realizzata per Masseto con il quale condivide l’identità di base. Entrato sul mercato in punta di piedi nel 2019, ha dimostrato subito la massima interpretazione del luogo di appartenenza, rivelando un carattere identitario già ben definito.  Dalla personalità armoniosa e allo stesso tempo forte e profonda come la terra da cui nasce, Massetino è un blend di Merlot con l'aggiunta di una piccola percentuale di Cabernet Franc. Il Masseto invece è un Merlot in  purezza.   “Massetino nasce da un’accurata selezione dei vigneti della tenuta, effettuata durante la fase del taglio” afferma Axel Heinz, direttore della tenuta. “Abbiamo pensato che la selezione di vini che non arrivano a diventare Masseto potessero vivere un loro percorso. Un nuovo vino è sempre una nuova sfida”.

 

Il Massetino 2019 mostra le caratteristiche tipiche di un'annata caratterizzata da un clima molto variabile, che ha alternato periodi di freddo e pioggia a lunghi periodi di siccità e calore. Lo sviluppo vegetativo è avvenuto in ritardo ma è stato seguito da un'estate calda e soleggiata senza pioggia. Le precipitazioni di fine estate hanno permesso una vendemmia del Merlot a inizio settembre e del Cabernet Franc a inizio ottobre, con un finale stagione che ha creato le condizioni ideali per la maturazione.

 

La filosofia in cantina è ridurre al minimo gli interventi. La straordinaria concentrazione dell’uva non ha bisogno di meccanismi di vinificazione sofisticati ma di operazioni semplici. In Massetino si coglie una delicata infusione anziché una estrazione aggressiva: in questo modo si esprime ricchezza senza alcun appesantimento. In cantina tutto è studiato per questo scopo, dal trasferimento delle uve senza l’uso delle pompe ma solo per gravità, all'utilizzo di vasche progettate per favorire una estrazione delicata. Ogni singola parcella del vigneto viene vinificata separatamente. La fermentazione avviene in modo spontaneo con lieviti indigeni. La successiva fermentazione malolattica è in barrique nuove per il 50% per 12 mesi. Infine, l'assemblaggio dei vini base e la maturazione del blend per altri 3 mesi in barrique.  “Massetino 2019 alla vista è scuro e giovane, al naso presenta frutti neri perfettamente maturi, sottolineati da note di rovere nuovo speziato e liquirizia. Al palato è ricco e corposo, con una struttura vellutata e raffinata bilanciata da una cornice di fresca acidità e tannini decisi” così ce lo racconta Axel Heinz, direttore della Tenuta.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?