Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

"Ecco la scuola che vogliamo Servono i fatti, basta chiacchiere"

Livorno, oltre 500 ragazzi ieri mattina hanno sfilato per le strade del centro nel rispetto delle regole

Alcune rivendicazioni dei ragazzi ieri in corteo, 500 studenti delle superiori
Alcune rivendicazioni dei ragazzi ieri in corteo, 500 studenti delle superiori
Alcune rivendicazioni dei ragazzi ieri in corteo, 500 studenti delle superiori

Colorati, con musica e slogan, felici finalmente di ritrovarsi tutti insieme dopo due anni di pandemia, anche gli studenti di Livorno hanno manifestato per chiedere "una scuola dove imparare e socializzare, dove includere gli alunni disabili, dove le aule non siano gabbie per polli. Una scuola dove dare un supporto psicologico a chi soffre gli effetti dell’isolamento per l’emergenza covid e dove studiare senza essere costretti a rischiare la vita per l’alternanza scuola-lavoro". Il serpentone degli studenti ha raggiunto piazza del Comune dove tutti si sono seduti a terra, bloccando il traffico, per esprimersi in un susseguirsi di interventi. Una ragazza ha preso il microfono: "Non è ammissibile che per il solo fatto che abbiamo protestato ci si debba aspettare che arrivino le forze dell’ordine con i manganelli, come è accaduto a Roma e Torino". Dalle sue parole si capisce che brucia ancora la ferita dell’arrivo in via della Bassata venerdì scorso delle forze dell’ordine per scongiurare l’occupazione. Clelia Nicotra del Liceo Enriques II indirizzo internazionale, ci ha spiegato il motivo che l’ha spinta a scioperare: "L’ho fatto perché lo Stato non investe nella scuola. L’ho fatto perché il liceo Enriques, che un tempo era una scuola che eccelleva per le condizioni della sua sede di via della Bassata, non è più la stessa. L’ho vissuto di persona: una mattina in bagno mi è caduto addosso l’intonaco venuto giù dal soffitto". Sul ‘ptco’ (percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) o alternanza scuola-lavoro ha commentato: "Non ha senso. Conosco un ragazzo di terza mandato in Sicilia per la ‘ptco’ in uno scavo archeologico perché servivano braccia...". Patrizia Nesti di Unicobas ha sottolineato parlando agli studenti: "Lo Stato dovrebbe destinare alla scuola le risorse che spende per le forze armate". Dello stesso avviso Caterina Lussomanno del liceo Niccolini Palli e membro del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?