Quotidiano Nazionale logo
18 gen 2022

"Falsi matrimoni, riciclavano anche gli anelli"

Livorno, la Finanza ha smascherato una vera e propria attività matrimoniale: dal vestito al divorzio, in cambio della cittadinanza

Le indagini della Guardia di Finanza
Le indagini della Guardia di Finanza
Le indagini della Guardia di Finanza

Recuperare i testimoni, si occupava delle pratiche, procurava gli anelli nuziali che poi riutilizzava per altri matrimoni così come le spose riciclavano i vestiti. Hilario Sandoval, 57 anni, cittadino dominicano aveva messo su una vera e propria agenzia matrimoniale. Peccato che le nozze erano tutte farlocche per far ottenere la cittadinanza italiana agli stranieri. Il giochino dei matrimoni combinati gli ha fatto guadagnare 200mila euro tra il 2014 e il 2019. Coinvolti anche Franco Raminghi di 72 anni , Alberto Barontini di 60 anni, Maurizio Bacci di 58 anni e Eleonora Puntoni di 47 anni, è stato smascherato il 24 luglio 2020 con l’operazione ‘Stranamore’ condotta dai militari delle fiamme gialle, coordinati dalla Procura. Il dominicano era il deus ex machina dei matrimoni combinati tra cittadini italiani ed extracomunitari irregolari (24 dei quali 23 celebrati a Livorno e uno a Rosignano Marittimo) per far ottenere il permesso di soggiorno agli stranieri. Ora per Sandoval e sodali c’è la richiesta di rinvio a giudizio, formalizzata dalla Pm Mancusi, per i reati di favoreggiamento all’immigrazione clandestina e induzione in falso in atto pubblico. Nei guai sono finite anche altre 53 persone per le quali la Mancusi ha chiesto il rinvio a giudizio per i medesimi reati variamente contestati. Ad ogni extracomunitario (16 dominicani, 2 peruviani, 1 senegslese, 1cubano, 1 tunisino, 1 marocchino e 1 nigeriano) veniva chiesto di pagare in base ai contanti di cui disponeva: tra 5000 e 7000 euro. Chi non se lo poteva permettere veniva mandato indietro. I soggetti italiani che si prestavano a questa messinscena erano tutti in difficoltà economiche e a loro andava una quota dell’incasso. Sandoval assisteva gli stranieri fino all’ottenimento permesso di soggiorno e agli italiani garantiva il divorzio breve. Ma non sempre il pagamento era puntuale. Un livornese, che si era unito in matrimonio con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?