Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
31 mag 2022

"La Fallaci non ha legami con Livorno"

Il sindaco Salvetti è lapidario sulla richiesta avanzata dalla destra di intitolare una strada alla giornalista

31 mag 2022
Il sindaco Luca Salvetti
Il sindaco Luca Salvetti
Il sindaco Luca Salvetti
Il sindaco Luca Salvetti
Il sindaco Luca Salvetti
Il sindaco Luca Salvetti

La destra, Fratelli d’Italia e Lega, ha presentato due mozioni per chiedere l’intitolazione di una strada o di una piazza a Oriana Fallaci. "Ad oggi – dive Romiti di Fdi – la decisione di dedicare una via, una piazza o un luogo pubblico alla scrittrice è già stata assunta da numerose amministrazioni". Il riferimento è la città di Piombino e a Cecina - per restare nella nostra provincia – dove, nella prima a gennaio di quest’anno, nella seconda nel 2020, il consiglio comunale ha votato l’intitolazione di una strada a questa giornalista protagonista di grandi battaglie. A Cecina la mozione fu presentata dalla consigliera di Forza Italia Tenerini. "Ad oggi non abbiamo una strada nuova da intitolare – dice il sindaco di Cecina Samuele Lippi – ma appena ci sarà l’occasione lo faremo". "La Fallaci – dice Romiti – ha pagato a caro prezzo lo strenuo tentativo di difendere l’Occidente: i nostri valori, la nostra cultura, la nostra identità e la nostra civiltà". Ma il sindaco Luca Salvetti risponde senza mezzi termini: "Noi pensiamo di fare altre intitolazioni. Il 4 giugno ci sarà l’intitolazione di piazza del Pamiglione a Italo Piccini. Guardiamo a personaggi che sono ollegati con Livorno e su questo stiamo procedendo. Italo Piccini è un chiaro esempio della nostra volontà di valorizzare chi ha dato molto alla città. Ricordo anche l’intitolazione del parco vicino a Coteto a Gino Calderini, anima dello sport labronico. Le emozioni su Oriana Fallaci – aggiunge il sindac – sono della destra e chiaramente strumentali nei confronti delle forze di sinistra perchè la Fallaci è un personaggio che divide. E la destra punta a questo: a dividere".

Michela Berti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?