Quotidiano Nazionale logo
2 feb 2022

Livorno nel ’Giornale dei Viaggi’

Dalle pagine del Duca di Modena e Reggio. Francesco IV viaggiatore accanito e appassionato

La Livorno dell’Ottocento raccontata da un viaggiatore accanito e attento come Francesco IV Duca di Modena
La Livorno dell’Ottocento raccontata da un viaggiatore accanito e attento come Francesco IV Duca di Modena
La Livorno dell’Ottocento raccontata da un viaggiatore accanito e attento come Francesco IV Duca di Modena

Livorno nel 1816. Dalle pagine del Duca di Modena e Reggio. Viaggiatore accanito e attento amministratore, Francesco IV Duca di Modena è passato alla Storia soprattutto per i moti del 1831 e la condanna di Ciro Menotti. La sua vita e il suo operare rimangono in gran parte inediti, come i viaggi da cui è tratta la descrizione della nostra città che qui prendiamo dal terzo volume dei Giornale dei Viaggi pubblicati da Antiche Porte Reggio Emilia (pag.160, 10 euro www.anticheporte.it). Ne vien fuori una curiosa descrizione… “Venerdì 23 agosto 1816. Livorno è una bella città, nuova, regolarmente e ben fabbricata, benissimo selciata come Pisa di pietre di taglio quadre, è ravvivata dal commercio, molto popolata, sebbene non grande, conta da 50 mila anime insieme coi sobborghi che sono tre: l’uno dove si viene da Pisa, gli altri fuori della porta a mare, che sono quello dei Cappuccini più entro terra e quello di S. Giacomo verso i Lazzaretti. Livorno è cinto di buone mura, era altre volte fortezza e non aveva sobborghi: ha un canal di mare che esce dalla darsena e gira tutt’intorno alle mura della città. Alcuni canali di mare, poi subalterni, entrano nella città per comodo della navigazione di modo che si chiama Venezia una parte della città ove alcune contrade sono canali. V’è una bella piazza grande assai, quadrilunga, quasi regolare, d’una bella larghezza e il duomo vi sta come la chiesa di S. Marco sulla piazza S. Marco; vi è una grande contrada che traversa tutta la città dalla Porta di Pisa passando per la piazza innanzi al duomo fino alla porta a mare (poiché Livorno non ha che queste due porte). Vicino alla porta Mare si volta a sinistra per una contrada stretta e si va alla Locanda della città di Londra che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?