Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

’Quo vadis Aida?’ La Bosnia ferita

La proiezione del film di Zbanic già Orso d’oro ricostruisce i tragici eventi avvenuti nel 1995

Jasmila Zbanic , già Orso d’oro alla Berlinale,. una guerra che sembra lontana, ma le ferite sono ancora vive
Jasmila Zbanic , già Orso d’oro alla Berlinale,. una guerra che sembra lontana, ma le ferite sono ancora vive
Jasmila Zbanic , già Orso d’oro alla Berlinale,. una guerra che sembra lontana, ma le ferite sono ancora vive

Nonostante i due anni di pandemia le Associazioni che si occupano di violenza sulle donne non hanno smesso di denunciare e aiutare le vittime della violenza maschile perché non si arresta la drammatica scia di sangue che registra l’uccisione di una donna ogni tre giorni da parte di un compagno o di un ex che non accetta la scelta della partner. Il Centro Donna e l’Associazione Ippogrifo hanno organizzato anche quest’anno molti eventi con il patrocinio del Comune di Livorno ed in collaborazione con numerose Associazioni attive sul territorio: Rete Antiviolenza, Rete Albarosa, Fidapa, Capire un’H, Le LIvornine, LNI, Evelina De Magistris, Ginestra. Il cinema Quattro Mori ha collaborato mettendo a disposizione tre serate dedicate al cinema di qualità proiettando tre pellicole con tematiche femminili. Stasera alle 20,20 ’Quo vadis, Aida?’ di Jasmila Zbanic Una guerra che sembra lontana, ma le ferite sono ancora vive. Siamo in Bosnia, in una città diventata tristemente nota nella storia recente per ragioni terribili: Srebrenica. E’ il nuovo film diretto da Jasmila Zbanic , già Orso d’oro alla Berlinale 2006 con la sua opera prima, Il segreto di Esma, presentato alla Mostra del cinema di Venezia in uscita dal 30 settembre nelle sale, distribuito da Academy Two e Lucky Red, ricostruisce i tragici eventi avvenuti nel 1995 nella città balcanica, durante la Guerra in Bosnia. Il 16 marzo ’Petite Maman Francia 2021’ di Céline Sciamma La regista Céline Sciamma, dopo il raffinato ‘Ritratto della giovane in fiamme’ torna a raccontare il presente senza però voler attribuire una collocazione cronologica definita alla vicenda che porta sullo schermo. Si tratta di un film che stava già imponendosi alla regista mentre girava l’opera citata sopra ma che ha trovato la sua realizzazione in un tempo che quasi lo rendeva necessario. È stato infatti girato subito dopo il primo rigido ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?