Quotidiano Nazionale logo
18 feb 2022

"Ricorsi e contenziosi sul Demanio"

Piombino, il segretario Pd critica l’amministrazione per il "pasticcio" sulle concessioni balneari

La spiaggia della Costa Est
La spiaggia della Costa Est
La spiaggia della Costa Est

"Mentre il governo è impegnato in una complessiva riforma delle concessioni balneari, giunge notizia che al Comune di Piombino sono stati notificati 10 ricorsi al Tar da parte di imprenditori balneari contro i provvedimenti assunti dall’ufficio demanio, che si sommano agli altri già pendenti, con la conseguenza che si contano oltre 20 ricorsi al Tar sul demanio marittimo che questa amministrazione ha collezionato in poco più di due anni di gestione". Così l’unione comunale del Pd di Piombino che interviene nella vicenda delle concessioni balneari. "Quasi un ricorso al mese – continua l’unione comunale guidata dal segretario Andrea Baldassarri – con ingenti costi per le case comunali e per i gestori, costretti a difendersi da una produzione di atti confusi e contraddittori. Il demanio marittimo è diventato terreno di scontro giudiziario tra l’amministrazione comunale ed gestori delle attività". "Dopo l’annullamento da parte del Tar toscana della proroga generalizzata delle concessioni demaniali – continua Il Pd, stiamo assistendo ad una gestione confusa che alimenta ulteriori incertezze per tutti gli operatori del settore. Si potevano valutare proroghe seguendo le indicazioni date negli anni dal Ministero dei Trasporti e dalla Regione Toscana, ovvero per singole concessioni e al di fuori della direttiva servizi in modo da evitare l’interesse trasfrontaliero, che poi è anche l’indicazione che emerge dalla sentenza del Consiglio di Stato in seduta plenaria. Si poteva, in questo senso, anticipare le scelte del governo, valorizzando gli investimenti sostenuti dai gestori. Si è voluto percorrere, invece, un approccio generalizzato ed astratto. Sul piano amministrativo abbiamo assistito a tutto ed a contrario di tutto, dal trattamento differenziato tra i gestori degli stabilimenti balneari ed i gestori dei campi boa di Baratti, i primi destinatari di una proroga diretta mentre i secondi invitati a presentare istanza di proroga da pubblicare in evidenza pubblica, quando era possibile ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?