Quotidiano Nazionale logo
2 dic 2021

"Si faccia subito chiarezza sugli investimenti Eni"

Dopo l’esplosione alla raffineria ci si interroga sullo stato degli impianti. Sicurezza, conversione verde, istituzioni, parla il segretario Cgil Zannotti

Fabrizio Zannotti,
Fabrizio Zannotti,
Fabrizio Zannotti,

L’incidente accaduto alla raffineria di Stagno, dove è esploso l’impianto Hot oil 2 (per fortuna senza feriti e vittime) , è un campanello di allarme secondo Fabrizio Zannotti, segretario generale Cgil Livorno. "Se accadono incidenti del genere in impianti di questo tipo, vuol dire che qualcosa è andato storto". Era l’unico impianto in funzione? "Sì ed era uno di quelli con meno anni. Tutto il resto della raffinerie ora è in fermo per la manutenzione periodica". Quando c’è la fermata per manutenzione c’è anche più personale dentro la raffineria? "Quello delle ditte oltre a quello diretto di Eni. L’impianto distrutto era in marcia ed era dotato di telecontrollo a distanza. Le cause dell’incidente sono in fase di valutazione". L’esplosione di martedì può far temere per la sicurezza della raffineria? "Quando c’è la fermata si fanno tutti i controlli possibili sugli impianti. Il problema è un altro: da un anno tutti i sindaci chiedono al Governo investimenti chiari sulla transizione ecologica dell’impianto di Stagno. Ad oggi non sono arrivati segnali da Roma. Di riflesso il problema riguarda anche le istituzioni locali. Il sindaco di Livorno Luca Salvetti e quello di Collesalvetti Adelio Antolini si sono impegnati a sollecitare il Governo come noi. Dall’altra parte rileviamo una certa ‘superficialità’ sulla questione raffineria dei consigli comunali di Livorno e Colle, ai quali ricordiamo che l’impianto Eni significa 3000 posti di lavoro, di cui diretti 500, altri 600 tra le ditte esterne e il resto sono indotto, porto e logistica. Se chiude la raffineria l’impatto sarà pesante per il territorio" E se perdura il silenzio di Roma? "Se in tempi rapidi non avremo risposte, i sindacati sono pronti a iniziative importanti non escluso lo sciopero, anche perché all’incidente di martedì in una fase di carenza di investimenti di Eni su Livorno, potrebbero seguirne altri". Produzioni green o morte? "Occorre ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?