Quotidiano Nazionale logo
20 dic 2021

Giovane ufficiale travolto dal treno, "Tragica fatalità"

Grande il cordoglio a Livorno tra gli amici in città e tra i compagni di corso. Le esequie nel paese di origine, Aquino in provincia di Frosinone

Le indagini della Polizia ferroviaria per ricostruire la dinamica di questo tragico incidente
Le indagini della Polizia ferroviaria

Livorno, 21 dicembre 2021 - È stata esaminata ieri dal medico legale la salma di Francesco Tomassi, 23 anni, l’allievo ufficiale dell’Accademia Navale morto all’alba di domenica travolto da un treno regionale mentre stava attraversando i binari della ferrovia all’altezza di via Mondolfi.

La salma del giovane ufficiale è stata così riconsegnata alla famiglia per le esequie che saranno celebrate nel paese di origine Aquino in provincia di Frosinone. Per la Procura della Repubblica di Livorno "si è trattato di una tragica fatalità". Francesco Tomassi 23 anni, allievo ufficiale all’ultimo anno dell’Accademia Navale, ha dunque attraversato i binari della ferrovia tra via Mondolfi e il residence Marilia mentre stava sopraggiungendo un treno. Il macchinista ha tentato invano di fermare il convoglio azionando il freno rapido di emergenza, ma non c’è l’ha fatta. Francesco è stato travolto dal treno e ed è morto sul colpo. Grande il cordoglio a Livorno tra gli amici in città e tra i compagni di corso (era arrivato all’ultimo anno ed era intenzionato a intreprendere la carriera nel corpo della Capitanerie). 

Dolore e sconcerto ad Aquino dove tutti si sono stretti intorno alla famiglia del giovane allievo dell’Accademia Navale che aveva trascorso la serata di sabato con amici e con loro dopo essere stato in discoteca si era diretto ad Antignano dove aveva trovato ospitalità a casa loro. Intorno alle 5 di domenica mattina era uscito e si era ritrovato nei pressi della ferrovia. A quel punto, forse per tornare indietro, ha deciso di prendere una scorcistoia attraversando la ferrovia dietro il Residence Marilia, quando è arrivato il treno e per lui è stata la fine.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?