Azzannati da due rottweiler: feriti un bambino e una donna

E’ successo in piazza XX Settembre. I cani, di proprietà di un giovane, erano in precarie condizioni di salute

Un cane rottweiler
Un cane rottweiler

Livorno, 2 febbraio 2024 – Un cane rottweiler ha addentato prima un bambino vicino via Grande, poi una donna in piazza XX Settembre. Il cane (insieme a un altro esemplare di rottweiler più giovane) era al guinzaglio del padrone.

Più testimoni hanno assistito a entrambi gli episodi e sono intervenuti. In piazza XX Settembre alle grida della donna è accorso un militare della guardia finanza fuori servizio che ha trattenuto uno dei cani e si è accertato di quello che era successo.

Nel frattempo il cane che aveva addentato la donna, era sfuggito al controllo del padrone perché i guinzagli non erano idonei. È stato chiamato il 112 e la centrale operativa ha inviato una pattuglia della polizia municipale.

Il finanziere ha chiamato anche un’esperta (la volontaria attiva cinofila della Associazione Pitbull Lifestyle, Ludovica Filippi) che gli ha procurato guinzagli adatti. Gli agenti della municipale hanno raccolto le dichiarazioni dei testimoni, ma non hanno proceduto al sequestro dei cani perché hanno ritenuto che «non ci fossero gli estremi».

Quando il rottweiler che ha morso la donna è scappato, è stato raggiunto dalla compagna del padrone che lo ha preso a calci sul muso e lo ha colpito con una borsa, cosa che lo ha reso ancora più aggressivo. Infatti il finanziere e l’esperta cinofila (accorsa in piazza XX) hanno dovuto faticare per calmare entrambi gli animali, che erano visibilmente malnutriti, tanto che una donna di passaggio ha acquistato una confezione di mangime per cani per nutrirli.

Le condizioni dei due cani sono apparse pessime a dimostrazione dell’inadeguatezza del loro padrone. A quel punto il finanziere e la Filippi hanno chiesto al padrone dei cani se voleva affidarli a loro per trovargli una migliore sistemazione, viste le loro condizioni precarie, oltretutto pare vengano tenuti sovente legati al termosifone nell’appartamento in cui vivono. Così lunedì notte e martedì i due cani sono stati collocati altrove, ma mercoledì il padrone li ha reclamati.

Perciò gli sono stati riconsegnati. Questo episodio è il terzo che si verifica a Livorno, dopo i due precedenti dei pitbull che hanno azzannato a novembre una donna in piazza dell’Origine e un mese dopo un’altra donna in Corso Amedeo vicino alla farmacia.

di Monica Dolciotti