Una lunga giornata fatta di riunioni su riunioni. Il presidente Rosettano Navarra ne ha avuto di lavoro da fare nella full immersion in sede. Al suo fianco c’era Enrico Casini, presidente della Navarra Spa e braccio destro di Navarra, che probabilmente avrà un ruolo nel consiglio di amministrazione. Ma c’era anche Roberto Lamanna, colui che ha messo in contatto la famiglia Spinelli con Cerea Banca per trovare dei soci in grado di rilevare il Livorno. Si è parlato di tutto negli uffici di via Indipendenza: del...

Una lunga giornata fatta di riunioni su riunioni. Il presidente Rosettano Navarra ne ha avuto di lavoro da fare nella full immersion in sede. Al suo fianco c’era Enrico Casini, presidente della Navarra Spa e braccio destro di Navarra, che probabilmente avrà un ruolo nel consiglio di amministrazione. Ma c’era anche Roberto Lamanna, colui che ha messo in contatto la famiglia Spinelli con Cerea Banca per trovare dei soci in grado di rilevare il Livorno. Si è parlato di tutto negli uffici di via Indipendenza: del nuovo assetto societario e delle scelte tecniche da fare, ma da quelle stanze non è uscito alcun comunicato atteso da tutta la piazza. Anzi, le riunioni sono proseguite anche dopo cena, con Navarra che ha incontrato Raffaele Rubino per decidere se affidare a lui il ruolo di direttore sportivo che di fatto stava già ricoprendo pur non avendo ufficialmente l’incarico. E si è parlato anche dell’eventuale presenza di Sivieri e Borgo, legati a Lamanna e al gruppo di soci portati da Cerea Banca. Così come non è ancora chiara l’eventuale posizione che potrebbe ricoprire Vittoria Cozzella. Tra i tanti dubbi ancora da sciogliere ci sono poi le posizioni dei nuovi soci, che hanno avuto, a diverso titolo, diversi guai con la giustizia (non solo sportiva). In questo caso è attesa anche una risposta da parte della Figc, che deve valutare se tutte le persone interessate soddisfino i requisiti di onorabilità e abbiano la solidità economica per portare avanti una società di calcio. Diversamente, andrà rivista anche la ripartizione delle quote, con Spinelli e Navarra che potrebbero incrementare la loro percentuale. Oggi dovrebbe arrivare il famigerato comunicato sui nuovi assetti e forse si avrà un po’ di chiarezza in più. Sono stati intanto ufficializzati i gironi dalla Lega Pro e il Livorno è finito nel primo, probabilmente il più abbordabile. Ecco dunque la composizione del Girone A: Albinoleffe, Alessandria, Carrarese, Como, Giana Erminio, Grosseto, Juventus U23, Lecco, Livorno, Lucchese, Novara, Olbia, Pergolettese, Piacenza, Pistoiese, Pontedera, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate. Evitato, dunque, il più difficile girone B, dove sono presenti Perugia, Cesena, Modena e Carpi che puntano con decisione alla promozione. Il più difficile resta però il girone C, con Bari, Palermo, Catania, Avellino, Ternana e le retrocesse Trapani e Juve Stabia che daranno vita a una stagione molto combattuta. Oggi alle 17 la Lega Pro diramerà i calendari della prossima stagione, al via il 27 settembre. Infine Manuel Marras ha firmato un triennale con il Bari.

Igor Vanni