Taglia alberi nel bosco senza avere le autorizzazioni: imprenditrice denunciata

Il provvedimento intrapreso dai carabinieri forestali nel corso di un controllo a Bibbona

Carabinieri forestali
Carabinieri forestali

Livorno, 18 aprile 2023 – I carabinieri forestali hanno anche il compito di controllare le attività boschive, fra le quali il taglio della legna nei boschi. Le utilizzazioni forestali infatti si devono conformare a norme piuttosto stringenti, sia nazionali che regionali, finalizzate al mantenimento in efficienza e salute dei boschi e a evitare che si inneschino fenomeni di dissesto idrogeologico per un disordinato venir meno della copertura forestale.

Proprio durante questa attività di vigilanza, nel comune di Bibbona, la titolare 48enne di un’impresa boschiva con sede nel Piombinese è stata denunciata alla magistratura in quanto indiziata di aver effettuato un taglio boschivo non conforme alla normativa.

In particolare, i carabinieri forestali hanno contestato uno sconfinamento di circa due ettari in un appezzamento di terreno limitrofo e di altra proprietà, senza averne le autorizzazioni. La normativa paesaggistica, a tutela delle aree boschive, impone infatti di ottenere due permessi per operare in aree superiori a un ettaro: una idraulica di competenza della Regione Toscana e un’altra dell’Unione dei Comuni, autorità amministrativa competente in materia.