Grosseto, 23 dicembre 2017 - Vince ancora il Livorno, ma quanta sofferenza. Allo ‘Zecchini’ finisce 4-2 per gli amaranto contro il Gavorrano, bravo a tenere acceso il match fino alla fine grazie alle ingenuità della capolista. Una partita che non avrebbe avuto storia sul piano del gioco, si è trasformata invece in una contesa ad alto rischio pareggio proprio per gli errori del Livorno, che dietro ha concesso due gol su dormite paurose e davanti non ha saputo sfruttare al meglio le tante occasioni avute per chiudere la partita.

La partita ha visto subito pericoloso Vantaggiato ben servito da Maiorino, ma l’esterno destro in tuffo è stato neutralizzato da Salvalaggio. Al 20’, da fallo laterale, Pedrelli si perde Brega che mette in mezzo dal fondo per l’incornata vincente di Moscati. il Livorno ci mette un po’ a riprendersi, sbaglia un paio di conclusioni ma poi sale in cattedra Maiorino che in un minuti ribalta la situazione. Prima pareggia di sinistro servito da Luci al limite dell’area, quindi parte in verticale imbeccato sempre dal capitano e di destro mette a segno la seconda doppietta in sei giorni.

Nella ripresa ancora Livorno in forcing, con Vantaggiato che colpisce una traversa clamorosa dal limite dell’area piccola. Il Toro di Brindisi è però bravo al 18’, quando spalle alla porta difende il pallone e aspetta il rimorchio di Luci, piatto sinistro al volo e palla che gonfia la rete. Partita chiusa per tutti, non per il Livorno che 4’ dopo si fa sorprendere ancora. Stavolta è Franco che si lascia scavalcare da un traversone con Vitiello libero di battere al volo per il 3-2.

Qui gli amaranto hanno arretrato un po’ troppo il baricentro e il Gavorrano nell’assalto finale si è fatto pericoloso con Gemignani, Malotti e Brega. Nel finale invece il Livorno non ha saputo sfruttare in pieno recupero un contropiede 3 contro 1, con Perez che ha sbagliato l’appoggio facile a Vantaggiato. Lo stesso attaccante ha poi sparato addosso a Salvalaggio, con Luci che ha sbagliato la ribattuta.

Al 48’, però, è stato da applausi lo scambio tra Vantaggiato e Franco, con il bomber che ha timbrato il cartellino di sinistro beffando il portiere sul primo palo: per lui sono 11 i gol stagionali.

Il Livorno può così festeggiare sotto la curva davanti a 800 tifosi amaranto: resta soltanto il Prato (sabato 30 alle 18.30) prima della sosta e la squadra di Sottil proverà mettere a segna l’ennesima perla di questa stagione pazzesca.

Il tabellino

GAVORRANO (3-5-2): Salvalaggio; Cretella, Salvadori, Bruni (23’st Malotti); Gemignani, Remedi (23’st Finazzi), Vitiello, Conti, Ropolo; Moscati, Brega. A disp. Mazzini, Borghini, Ferrante, Merini, Mosti, Mugelli, Papini, Tissone, Vitiello. All.: Favarin

LIVORNO (4-2-3-1): Pulidori; Pedrelli, Pirrello (14’st Morelli), Gasbarro, Franco; Luci, Bruno; Doumbia, Maiorino (29’st Perez), Valiani (29’st Marchi); Vantaggiato. A disp. Romboli, Baumgartner, Gemmi, Giandonato, Hadziosmanovic, Montini, Ponce, Santini. All.: Sottil

Arbitro: Ayroldi di Molfetta

Marcatori: pt 20’ Moscati, 42’ e 43’ Maiorino; st 18’ Luci, 22’ Vitiello, 48’ Vantaggiato.

Note: spettatori 1.100 circa, di cui 800 arrivati da Livorno. Ammoniti: Pirrello, Conti, Vitiello. Angoli: 6-2 per il Gavorrano. Recupero tempo: st 4’.